sabato 7 maggio 2016

Il diritto alla fragilità

Rivendico il mio diritto alla fragilità, e alla molteplicità. Lo Stato, gli amici, la famiglia, i conoscenti... in molti mi vorrebbero uno, sempre uguale a me stesso. Da inserire più facilmente in uno schema, una casella predefinita. 
Ma io sono tanti. 
Sono un molteplice che si moltiplica negli anni. 
E della mia complessità, che una volta era pura sofferenza, adesso io voglio fare ricchezza.

Nessun commento: